archivio

Archivi tag: fiabe

Una supereroina felina

Una supereroina felina

Il gatto con gli stivali.

Il gatto con gli stivali.

Annunci

 

Sui gatti sono stati scritti romanzi, fiabe, saggi, e continuano ad esserne scritti. Senza contare tutti gli autori non famosi che dedicano pagine e pagine ai nostri amici baffuti e dalle orecchiette a punta. Dai tempi dei faraoni, i gatti stimolano la fantasia degli uomini, che li inseriscono in fiabe e storie di tutti i tipi: il gatto non farà mai la parte del fedele fino alla morte come il cane: sarà spesso misterioso, forse talvolta crudele, ogni tanto devoto, ma a modo suo, senza lasciare nessuno indifferente. Spesso, come in una leggenda popolare tedesca, si dimostrerà più furbo di un vecchio alchimista diabolico, promettendogli il suo grasso e l’amore di una bellissima fanciulla, per poi fuggire e lasciarlo solo con una spaventosa megera. A volte, invece, travierà i giovani, come in Pinocchio, o si avvicinerà alle bambine come Alice con strani pensieri. Ma aiuterà anche chi crede in lui: come la fanciulla de La Baba Jaga, o come le guerriere Sailor nel modernissimo Sailor Moon. Dal Giappone ci sono giunti recentemente il gattino di Kiki, lo spirito gatto di Totoro e altri gatti. Provate a mandarmi le vostre fiabe moderne! I gatti sono protagonisti di tante fiabe interessanti, divertenti ed istruttive: Il gatto con gli stivali. Il gatto con gli stivali è forse la fiaba più celebre fra tutte quelle dedicate ai gatti, e dimostra quanto si possa fare quando ci si allea tra uomini ed animali. Il figlio del mugnaio trova ricchezza e una splendida moglie grazie al suo gatto. Ne esiste una versione italiana, di Straparola, in cui alla fine il gatto viene scacciato, e si riprende tutti i suoi doni. Preferisco la versione di Perrault, o la rilettura in chiave fantasy rifatta dalla Toei Animation in alcuni lungometraggi. La gattina bianca di Madame d’Aulnoy . La gattina bianca è una fiaba ormai poco nota ai più, ma che tratta di luoghi incantati, di principesse tramutate in gatte, di principi che scoprono la loro vera identità grazie agli animali. Ha dei tratti decisamente troppo superati, forse, ma sarebbe da riscoprire per le tematiche moderne che presenta: il mistero della femminilità, il rispetto della natura, un giovane non spavaldo e coraggioso ma pauroso. La Baba jaga. Ne La Baba jaga, fiaba popolare russa, il gatto della strega passa dalla parte dell’eroina perché questa l’ha coccolato invece che picchiarlo, l’ha nutrito invece che lasciarlo morire di fame, l’ha accudito invece che trascurarlo: tutto il contrario della sua padrona, la strega, che pertanto viene punita. Una bella morale della favola. Alice nel paese delle meraviglie. Lo stregatto di Alice è in assoluto il gatto più misterioso di tutta la letteratura favolistica, enigmatica, forse pericoloso, ma non per questo meno intrigante. Il suo nome, Cheshire cat, si ispira ad un famoso formaggio inglese. !